La croce cattedra di Cristo

La liturgia della Domenica delle Palme e della Passione del Signore unisce insieme la commemorazione dell’ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme e l’annuncio della sua passione, un omaggio a Cristo nostro Signore.

Il racconto della passione invita a riflettere sulla vicenda di alcuni personaggi della narrazione con tutto il loro carico di coraggio e di codardia, di fedeltà e di tradimento, di coerenza e di contraddizione, di amore e di odio. Significative sono le figure di Giuda e di Pietro, entrambe dei dodici: l’uno tradisce l’altro rinnega; l’uno passa dalla parte degli oppositori, l’altro rivela tutta la sua fragilità. In Giuda riconosciamo il traditore in potenza che è in ciascuno di noi. In Pietro le nostre paure, le nostre debolezze e la poca fede; ci sono altri personaggi minori la donna di Betania che unge Gesù con olio profumato; Simone il cireneo che aiuta a portare la croce; il centurione che riconosce Gesù figlio di dio; le donne che stavano ad osservare tra le quali c’è Maria Maddalena, Giuseppe d’Arimatea che lo ha deposto nel sepolcro.

Carissimi, fratelli e sorelle, anche noi siamo chiamati a vivere santamente questi giorni ringraziamo il Signore Gesù per la suprema testimonianza di amore; nessuno ha un amore più grande di chi dà la vita per le persone che ama; dalla croce s’impara come si ama in modo gratuito e totale, non ci si sente mai soli, mai abbandonati e ancora s’impara a compiere la sua volontà consegnando la propria vita nelle sue mani. La croce cattedra di Cristo insegna a perdonare sempre; dalla croce si riceve il dono della madre di Dio da accogliere e custodire nella propria vita; dalla croce si riceve la certezza che saremo con lui in paradiso.

Chiediamo perdono per i nostri peccati, le nostre ingratitudini e per le offese al suo amore, meditiamo, contempliamo, riviviamo nella liturgia i santi misteri della passione morte e resurrezione del Signore per risorgere con lui a vita nuova: Pasqua sia un vero passaggio ad una vita trasfigurata dalla presenza del Signore, il ramoscello d’ulivo benedetto sia segno di pace e di riconciliazione.

A tutti auguro, buona settimana santa.

Dall’omelia della Messa Pontificale prefestiva della Domenica delle Palme, celebrata da S.E. Mons. Arc. Orazio Soricelli, nella Basilica Cattedrale di Amalfi il 27 marzo 2021.

Interagisci sui social:

Siamo anche su

visitato da

0 0 4 5 1 7
Visitatori totali : 6738