Siamo tutti chiamati a diventare Santi

Stamattina siamo entrati qui in chiesa ed abbiamo ascoltato le parole dell’esodo: onora tuo padre e tua madre; non uccidere; non commettere adulterio; non ruberai. Dinanzi a questa parola possiamo forse aver detto, non ho bisogno di convertirmi perché grazie a Dio non ho ammazzato nessuno e non ho rubato. Il Signore non si accontenta di questo e ci ha dato queste regole solamente per essere uomini e non animali, ma dal momento che Gesù si è messo sulla croce per noi l’uomo non può accontentarsi di essere uomo, deve diventare santo.

L’altra bella notizia che sta al centro del vangelo di oggi: distruggete questo tempio e io in tre giorni lo farò risorgere.
San Giovanni che ebbe la fortuna di vedere Gesù risorto e quindi credette in lui, ce l’ha detto nel vangelo, chiosa, questa espressione di Gesù e dice: ma egli parlava del tempio del tempio del suo corpo.

Il corpo di Gesù e il tempio di Dio perché lui era Dio ma anche il mio corpo, anche il vostro corpo è diventato tempio di Dio, è questa la bella notizia: Dio abita nel cuore dell’uomo e lo trasforma, è lui che vive dentro di noi; è lui che nelle tempeste della vita fa tornare il sereno; è lui che ci aiuta ad accogliere la croce di ogni giorno; è lui che ci spinge a donarci agli altri.
Ecco perché è bello ricevere l’eucaristia nelle nostre mani, perché Dio si affida al corpo nostro e noi lo portiamo con noi nelle cose della vita.

Andiamo incontro a Gesù e ripetiamogli: “Signore tu veramente hai parole di vita eterna.”

dall’omelia della Santa Messa Capitolare della III Domenica di Quaresima, celebrata nella Basilica Cattedrale di Amalfi dal canonico don Luigi Colavolpe.

Interagisci sui social:

Siamo anche su

visitato da

0 0 4 5 1 7
Visitatori totali : 6738